LA SENSA

La Sensa è il nome in dialetto bergamasco del paese dove vivo

scrivimi



[logo]

This page is powered by Blogger. Isn't yours?
30.9.02
 
L'AVEVO DETTO DI NON PERDERLO...

Copio e incollo dal bel blog di emmebi il sunto che ha fatto della fantastica puntata di stasera di "8 e mezzo" con ospite Sgarbi. Mi sarebbe piaciuto avere un foglio e una biro a disposizione per scrivere tutto quello che diceva.

A Ottoemezzo su LA7 di fronte a degli attoniti Ferrara e Sofri, Vittorio Sgarbi a ruota libera ha sparato una serie di spontanei giudizi e ritratti su ex-compagni di governo....
Urbani c'ha la ganza (amante) perennemente sotto il tavolo che lo inebria e gli suggerisce l'indirizzo politico .
Gasparri è un vile e vigliacco. Non ha nemmeno l'onore degli uomini di destra.
Miccichè un cocainomane all'ultimo stadio. Tipico delle Palermobene
Gae Aulenti e gli altri architetti sono degli incapaci.
Alan Elkann è un cameriere al servizio del padrone di turno.
E ce n'è per la Moratti, per Berlusconi, Concita Di Gregorio e molti altri....
Un vero uomo di sinistra.



:: Dagospia riporta le parole pronunciate da Sgarbi



 
I MISTERI DELLA TV - 11

ELISABETTA CANALIS: Ieri sera guardando "Controcampo" mi è venuto il dubbio che le scrivano le domande da fare durante la trasmissione perché è dalla prima puntata che pone solo domande intelligenti e "piccanti" al punto giusto; avrei puntato pochi soldi sul fatto che potesse fare meglio della Corna invece già dopo poche puntate bisogna ammettere che l'ex velina è molto meglio di lei. Devo dire che pensavo l'avessero chiamata nel programma di italia 1 un po' perché "ex velina" (che ormai apparirà come lavoro sulla carta d'identità) e un po' perché fidanzata con Vieri e invece abbiamo capito che i complimenti che le fa Piccini ad ogni puntata sono meritati.



 
CUORE NEROAZZURRO

La partita col Chievo comincia male con un gol di Marazzina sul pronti-via: neanche il tempo di sedersi sulla sedia del bar che subito il sogno di ritrovrarsi in vetta da soli viene spazzato via con la rete di un ex neroazzurro. Ci vogliono pochi minuti per capire però che l'Inter di questa sera è diversa da tutte quelle vista in questa stagione: varie occasioni da gol create e a tratti anche bel gioco (scusate l'enfasi ma per noi giocare bene è stato sempre un sogno); a suggellare tutto questo arriva il gol di Vieri dopo un perfetto scambio con Recoba. Il secondo tempo è molto bello: l'Inter c'è ma, come insegna Piccinini, non va; alla metà del secondo tempo si affaccia lo spettro del pareggio che vanificherebbe le nostre speranze e il bel gioco di questa partita. Arriva provvidenziale il piede di Legrottaglie che affossa Vieri in area; rigore nettissimo che Vieri trasforma magistralmente. Il Chievo si butta in attacco e solo il piedone numero 47 di Toldo salva capra e cavoli; tutti in quei minuti ci ricordiamo che, pochi mesi fa, il Chievo aveva pareggiato nei minuti di recupero togliendoci lo scudetto e solo il fischio finale dell'arbitro ci toglie quest'incubo dalla memoria.
Alla fine della partita, uscendo allegramente dal bar, non ci resta dubbio alcuno: è questa l'Inter che vogliamo vedere; bella, grintosa anche se un po' puttana (come direbbe Conceiçao).



28.9.02
 
DISCO BAMBINA

Ecco la seconda parte del resoconto dei vari personaggi che si incontrano andando in discoteca; questa volta tocca alle fanciulle:

la copia-cubista (c.c.): riconoscibile subito: in pista si posiziona in modo da poter studiare le mosse delle cubiste e copiarle con risultati però abbastanza ridicoli. Indimenticabile.
la tavolista: secondo me la pagano: è sempre presente e sta seduta tutta la serata su un tavolino fumando sigarette di continuo; fa probabilmente parte dell'arredamento e quando puliscono tolgono la polvere anche su di lei.
l'insultata: è la ragazza carina ma fidanzata che va in discoteca senza il partner; si veste in modo sexy e i ragazzi fanno la fila davanti a lei. Quando scoprono che è fidanzata le lanciano una serie di improperi perché hanno perso una preziosa ora di cucco.
la cameriera: attenzione: quando ti sorride non vuol dire che le piaci ma più probabilmente lo fa per lavoro. Tentatrice.
la tachipirinha: simile al "cuba-libre" maschile ma con una fondamentale differenza: se per lui è un classico ubriacarsi lei lo fa solo una sera ogni tanto, magari per dimenticare qualche dispiacere. Lei e il suo bagno ne porteranno le conseguenze per giorni. Anitra wc.
l'accompagnatrice: si sa che le ragazze vanno sempre in bagno in due; se controllate bene ogni compagnia ha la sua accompagnatrice fissa che va in discoteca solo per questo.
la panterona: non è particolarmente carina ma si veste in modo da non passare inosservata; si lancia in danze scatenate tutta la notte e di solito è attorniata da ragazzi totalmente pazzi di lei ma che giorni dopo si accorgeranno dell'errore. Come cantava Jovanotti "e a volte becchi una in discoteca/ la rivedi la mattina e ti sembra una strega".
la moglie del proprietario: ma secondo voi il proprietario è sposato ??



23.9.02
 
I MISTERI DELLA TV - 10

8 E MEZZO: Questa settimana nessun mistero ma un importante promemoria: da questa sera torna "8 e mezzo" trasmissione di La 7 che va in onda dal lunedi al venerdi alle 20.30 (da cui il titolo, come direbbero a catersport). Ci ricordiamo tutti gli accesi dibattiti che hanno caratterizzato l'edizione dell'anno scorso tra Giuliano Ferrara e Gad Lerner in cui molto spesso Lerner veniva "schiacciato" da Ferrara (anche se qualcuno, come ad esempio Ghezzi, sosteneva che era tutto finto); quest'anno Lerner sarà sostituito dal bravo Luca Sofri e vedremo se lui riuscirà a parare le bordate del direttore del "Foglio". Il mio consiglio è di abbandonare le scemate di "max e tux" e le spesso inutili polemiche di "striscia" (anche per la scelta delle veline) per dedicarsi ad un programma (forse l'unico) da cui si può veramente imparare qualche cosa.



22.9.02
 
CUORE NEROAZZURRO

Come accade nei migliori film il colpo di scena arriva negli ultimi minuti ma, sempre come nei film, alla fine il bene trionfa sul male; è stata così Reggina-Inter di oggi pomeriggio: il gol del chino allo scadere chiude 90 minuti di grossa sofferenza. Dopo il bellissimo gol al volo di Vieri (su assist di Materazzi!) abbiamo sprecato troppo ma Il primo tempo si chiude con un Inter abbastanza convincente. Il secondo tempo sembra portare ad una tranquilla vittoria ma nei minuti finali la Reggina comincia un forcing asfissiante che travolge i neroazzurri: l'incrocio dei pali colpito da Leon è il culmine di quei minuti di sofferenza pura. Ma proprio quando tutto sembra concludersi per il meglio ecco il colpo da maestro: Rodomonti si inventa un rigore per la squadra calabra realizzato da Nakamura. Lo sconforto colpisce noi tifosi ma non la squadra che riesce a reagire e con un'ottima giocata Crespo serve Recoba che insacca il definitivo gol della vittoria!
Abbiamo avuto grossi limiti sulla fascia sinistra con un inconcludente Morfeo e sulla destra con un inspiegabile Vivas (ma attualmente non abbiamo nessuno per quel ruolo); da segnalare che finalmente Cannavaro è stato messo al centro della difesa (come avevo scritto settimana scorsa): resta da capire se continuerà a restare lì o se è stata una mossa per preservare Cordoba per la partita con l'Ajax



19.9.02
 
STORIA DI PROVINCIA

La notizia risale a venerdi 13 settembre ma mi è capitata sotto gli occhi solo in questi ultimi giorni e secondo me è fantastica perché sembra tratta da un film: un detenuto, approfittando di un permesso premio, scappa dal carcere di Bergamo e, durante la latitanza, si fa sottoporre ad un intervento di chirurgia plastica per ritoccare zigomi, orecchie e collo così da sembrare di almeno 10 anni più giovane. L'uomo è stato però riconosciuto dai carabinieri perché anche al "ritoccato" mancavano 3 dita delle mani come al detenuto evaso dal carcere.



16.9.02
 
I MISTERI DELLA TV - 9

LA RAI: "Il foglio" di giovedi 13 ha pubblicato una lettera aperta di Luigi Zanda (pdf uno e due), uno dei sei consiglieri d'amministrazione della RAI, in cui scrive tra le varie cose che:
"Ad ogni dirigente che dovesse optare per il prepensionamento, spetterà oltre ad una consistente maggiorazione della liquidazione anche il diritto all'assunzione da parte della Rai del proprio figlio" (incredibile !)

e che in RAI bisogna pagare:

"10.000 dipendenti, più un numero di collaboratori, consulenti, dipendenti a tempo determinato che il CdA ancora non conosce, più l'appesantimento di un sempre maggiore ricorso agli appalti esterni"



15.9.02
 
CHE VITA

"Pietro Mennea e Sara Simeoni son rivali alle elezioni" è la più bella frase di "Che vita" la nuova canzone di Samuele Bersani in onda su tutte le radio; Bersani per me è uno dei più bravi artisti italiani a scrivere testi: chi non ricorda ad esempio "Giudizi Universali"? Quella che faceva:"Potrei ma non voglio/ fidarmi di te/ io non ti conosco/ e in fondo non c'è/ in quello che dici qualcosa che pensi/ sei solo la copia di mille riassunti/ Leggera, leggera, si bagna la fiamma/ rimane la cera e non ci sei più..." oppure "Chicco e Spillo" o "Freack" in cui voleva esportare la piadina romagnola ? Credo che ce le ricordiamo tutti; per gli amanti di Bersani ho una bella notizia: a fine mese uscirà il suo imperdibile greatest hits !



 
CUORE NEROAZZURRO

"L'inter nuova è uguale a quella vecchia. Per vincere vince, come vinceva la precedente, ma non persuade e non seduce, non rassicura e non promette"; nelle parole di Giancarlo Padovan si riassume perfettamente la partita di ieri col Torino, prima giornata del campionato. La difesa è stata solida anche se non particolarmente impegnata perché il Toro giocava con una sola punta (e ha giocato il secondo tempo in 10); c'è da segnalare che Cannavaro è stato utilizzato come terzino destro, cosa che non ha mai fatto; probabilmente dopo i primi gol che l'Inter prenderà verrà spostato al centro della difesa. Il centrocampo ha svolto sufficientemente il suo sporco lavoro; vogliamo però che Dalmat e Recoba (fatto giocare ancora come centrocamposta di sinistra) illuminino il gioco della squadra non solo a sprazzi ma in maniera più convicnete perché bisogna servire palloni ai due mastini in attacco che ieri hanno mostrato una buona intesa anche se hanno sbagliato troppi gol. Immancabile la sofferenza nei minuti finali quando abbiamo lasciato troppi palloni in mano al Toro; insomma per le prime giornate va anche bene così ma c'è ancora molto da lavorare (in particolare sulle posizioni di Coco e di Javier Zanetti) e martedi tocca già alla Champion's.



14.9.02
 
GIRO GIRO TONDO

Dedicato ai manifestanti: "Mi si nota di più se vengo e me ne sto in disparte o se non vengo per niente ?"



11.9.02
 
11.09.01

E' passato un anno e il "Corriere della sera" del giorno dopo mi fa ancora compagnia nella pila di giornali e libri sulla scrivania; di quel giorno ricordo tutto: c'era bel tempo e io stavo studiando per l'esame di "elaborazione automatica dei dati" anche se in realtà stavo combinando poco. Per caso mi sono sintonizzato su radio 24 proprio nel momento in cui davano l'annuncio che il primo aereo aveva centrato una delle Torri Gemelle; poi ero andato a fare qualcosa fuori da casa e ritornato accendo la tv per cercare sul televideo notizie sullo schianto. In quel momento (le 15.15) c'erano già in onda le edizioni speciali dei tg perché anche il secondo aereo aveva centrato l'altra torre; non riesco più a staccarmi dalla tv fino a sera. Poi c'è stata la guerra, "lo straccio di pace" di Emergency, il brutto attacco del "Foglio" a Gino Strada e a "Emergency", Al-Jazeera, le videocassette di Bin Laden, l'USA day e il giorno stesso la manifestazione pacifista; tutti, credo, ci ricordiamo tutto. Oggi è il giorno del ricordo, della commemorazione dei morti ma sembra sempre di più imminente una nuova guerra in Iraq. Sfogliando per l'ennessima volta il Corriere del giorno dopo, ho notato che, l'articolo che parlava dei palestinesi festanti dopo la tragedia (pag. 13), era stato scritto da da Maria Grazia Cutuli.
Era l'autunno del 2001.

la mia ed altre riflessioni degli internauti italiani sull'11 settembre di un anno fa li potete trovare nel blog 11 settembre curato dal giornlista del tg1 Pino Scaccia



10.9.02
 
S.O.S. INFORMAZIONE

Per fortuna il cavaliere non ha potuto mettere le mani (per ora) sul Corriere della sera salvando così attualmente il migliore (secondo me) quotidiano d'Italia.
Altra storia è quella che riguarda Giancarlo Santalmassi, il miglior giornalista di radio 24, la radio della confindustria; fino alla scorsa stagione radiofonica conduceva due programmi: uno d'informazione politica al mattino e un altro di commento ai fatti del giorno (con telefonate degli ascoltatori) alla sera. Durante una delle puntate di aprile del programma mattutino era ospite Francesco Cossiga che ha espresso la sua opinione (dicendone peste e corna) sul presidente di confindustria D'Amato. Per non aver fermato Cossiga in tempo Santalmassi è stato punito e la direzione gli ha tolto il programma del mattino, lasciandogli solo quello della sera (che va in onda dalle 19.15 alle 21 su radio 24). Visto che oltre ad essere un ottimo giornalista è una persona gentile invito tutti ad ascoltarlo.



9.9.02
 
I MISTERI DELLA TV - 8

UNOMATTINA WEEK-END: Leggo su tv sette che "unomattina si allarga al sabato e alla domenica con Livia Azzariti e Gianpiero Galeazzi impegnati con temi di salute e benessere." Ma come si fa a chiamare "bisteccone" Galeazzi a condurre trasmissioni dedicate alla salute e al benessere ?? E' un po' come se a Emilio Fede facessero dirigere un telegiornale.



8.9.02
 
GALLIANI

Dagospia ci informa che "il vice-presidente del milan e presidente della lega calcio Adriano Galliani è iscritto al Casellario centrale dei pensionati Inps. Da quando ha 32 anni. Il più potente uomo del calcio italiano dal 1976 è titolare di una pensione sociale, che ammonta a 223 euro e 83 centesimi."
Per carità è tutto in regola (è solo una delle tante ignobiltà italiane): Galliani ha approfittato di una legge di un governo Andreotti; però dovete capirmi...sono interista !




6.9.02
 
COSA RESTERA'...
(scritto per costaserina.com, il sito dedicato al mio comune)

“L’estate sta finendo / e un anno se ne va / sto diventando grande / lo sai che non mi va” e questo lo cantavano i Righeira svariati anni fa; prendendo spunto da questa canzone, mi chiedo: ma cosa resterà di questa pazza estate 2002 trascorsa a Costa Serina ?
Dovrebbe rimanere nei nostri ricordi come l’estate delle inaugurazioni (la piazza ed il relativo bar a Costa e la palestra ad Ascensione) ma di questo ha scritto già a sufficienza “L’Eco di Bergamo” e questo sito non merita che vengano ripresi argomenti già abbondantemente trattati da altri; potremmo ricordarla come l’estate del brutto tempo ma, si sa, le cose brutte è meglio dimenticarle velocemente. E allora ?
E allora secondo me è stata l’estate della presa in giro, del divertirsi prendendo magari anche simpaticamente di mira qualche malcapitato; sembra strano ma provate a pensarci bene, io vi propongo alcuni spunti. Il punto di partenza obbligato sono i “Costa Night Boy” (no, non è un errore di battitura son proprio loro che o non sanno l’inglese o sono pazzi) che si sono presentati al traguardo della Ministracosta coperti, forse, solo da un misero asciugamano (credo però che la verità non la sapremo mai); una buona dimostrazione della mia tesi sono anche le varie battute sugli abitanti del comune pronunciate dal ventriloquo Ghislandi durante la sua serata.
Il fatto poi che durante i giorni della festa a Costa il tempo sia stato brutto mentre durante quella ad Ascensione il sole abbia sempre fatto capolino, non è ascrivibile né ad una maggiore protezione nei cieli della frazione rispetto al capoluogo, né ad un periodo meteorologico sfortunato, ma solo ad una fantastica, straordinaria presa in giro; e l’inno nazionale suonato prima della finale del torneo di tennis dal bravissimo Giovanni Pucci non può essere visto anche come un’ironica risposta alle inutili polemiche che ci hanno accompagnato durante i disastrosi mondiali nippo-coreani ??!?!
Non posso dimenticare l’esibizione delle "suore” durante la “Corrida” e a chiusura della festa a Costa che si sono divertite divertendoci; e chissà mai che anche l’amico Daniel che fa scomodare l’elicottero del 118 in cima ai Laghi Gemelli ed una settimana dopo sale alla vetta del Suchello in 40 minuti faccia parte di questo incredibile e pazzo progetto estivo di presa in giro ai nostri danni ?

A questo punto mi chiedo: vi ho convinto ??



2.9.02
 
I MISTERI DELLA TV - 7

SPECIAL CONTROCAMPO: Ieri è ritornato in onda controcampo su italia 1; devo dire che Mughini (presentatosi con un vestito assurdo ma bellissimo) era particolarmente in forma. Ecco una piccola antologia di quello che ha detto:
Su Ronaldo:
"io penso che andava accompagnato al confine a calci in culo" e poi un po' compiaciuto "l'ho detto in modo sofisticato"
"ha l'aria di uno che giocava nella Sambenedettese e ora è passato al Real"
A Mosca che faceva i complimenti a Cannavaro per la bellezza di sua moglie:
"lo scusi, ma non ha collegato il cervello"
e sulle famose bombe di calciomercato di Maurizio Mosca ha detto:
"ma quali bombe ? Non ne ha mai azzeccata una in vita sua"
Sul calciomercato della Juve:
"Di Vaio per salire al terzo piano come Trezeguet ha bisogno della gru"
"guarda io Davids non lo darei via neppure se fossi sua moglie"

C'è stato poi uno scambio di battute tra Mosca e Altobelli che mi ha lasciato un po' basito ma Altobelli mi provoca ilarità, qualsiasi cosa dica:
Mosca: "Se l'Inter non avesse superato il turno con lo Sporting, Cuper veniva esonerato"
Altobelli: "Anche a mio nonno se non gli veniva un brutto male era ancora vivo"



1.9.02
 
DISCO BAMBINO

Ieri sera sono andato in discoteca: non è il mio ambiente preferito ma andarci ogni tanto non fa neanche male; in questi anni di frequentazione ho capito come, ovunque si vada, si trovano sempre gli stessi personaggi con caratteristiche precise che distinguono gli uni dagli altri:
il minimalista: quando balla muove il minimo indispensabile ma in realtà non sa ballare; si presenta sempre con vestiti eleganti ed ha uno sguardo fiero, proteso verso il futuro o più probabilmente verso il letto che raggiungerà a breve.
il dance-man: all'opposto del minimalista quando balla muove tutti gli arti possibili ed immaginabili; inizia a ballare con i primi dischi (ma fateci caso: non è mai il primo a scendere in pista) e smetterà solo quando il dj spegnerà la consolle (tempo fa ho visto uno che anche durante i lenti continuava a ballare da solo !). L'abbigliamento è tipico: maglietta leggera, jeans (o, i più moderni, con i pantaloni della tuta) e le immancabili scarpe da tennis. Di solito si ritrovano in gruppo perché dopo un'ora di balli ininterrotti vengono isolati da tutti e prima di uscire verranno disinfestati.
il divanista 1: è il portato a forza, perché vanno gli amici e lui non vuole essere da meno; sta tutta la sera seduto sul divano perché non si diverte, non gli piace la musica o non vuole fare le figure di merda del minimalista. L'unico gesto che compie è controllare l'ora, sperando che arrivi presto il momento dell'uscita. In alcune discoteche, al posto di sedersi sul divano, si appoggia ad un pilastro e non lo molla più.
il divanista 2: il più invidiato: sta tutta la sera sul divano ma solo per baciarsi con la fidanzata o con la preda della serata(anche se quando la gente li vede, si augura che la ragazza sia un cesso).
il cuba-libre: fa la spola tra il bancone del bar e il bagno; beve tutti i drink più strani e all'uscita viene portato fuori a spalla dagli amici perché ormai lui sta già dormendo da ore.
il cucador: ogni discoteca ha il suo re: passa in rassegna tutte le ragazze del locale puntando prima verso le più belle ma poi via via scende sempre più in basso; quando anche l'ultima ragazza della discoteca gli dice di no, si sfoga diventando un "cuba-libre" o più probabilmente un "dance-man".
il proprietario: si riconosce subito perché è l'unico che ha lo sguardo tronfio di chi pensa: guarda quanta gente ho fregato anche stavolta !