LA SENSA

La Sensa è il nome in dialetto bergamasco del paese dove vivo

scrivimi



[logo]

This page is powered by Blogger. Isn't yours?
26.2.03
 
SEGUIRA' DIBATTITO /7

Dopo la morte di Alberto Sordi è partito il solito ricordo televisivo: ad esempio ieri è andata in onda una puntata speciale del Costanzo show dedicata all'attore romano, rete 4 ha ritrasmesso oggi Un americano a Roma e domani i funerali verranno seguiti in diretta tv. Anche Raiuno ieri sera ha variato il palinsesto commemorando Sordi con l'ultimo suo film: Sposami papà, che ha tra i protagonisti Valeria Marini. Efficace a commento la battuta di Fabio Volo: è come se mettessero sulla lapide una tua foto scattata mentre facevi la cacca.



24.2.03
 
Pino Scaccia è partito per Kabul; alla vigilia di una nuova guerra andiamo a scoprire gli effetti della precedente. Il suo diario lo trovate in un blog.


 
CUORE NEROAZZURRO

"Passare i pomeriggi a vedere partite del genere è veramente buttare via tempo"; questo ha sicuramente pensato il tifoso neroazzurro medio che ieri ha assistito alla sfida col Piacenza, ed ha un bel coraggio Vieri a dire che gli spettatori non dovevano fischiare Dalmat e Morfeo. Ma veniamo alla partita: noiosa, noiosissima per tutto il primo tempo che non regala nessuna emozione. Poi all'improvviso si accende la luce: Dalmat tira, Batistuta si trova il pallone tra le gambe e non può fare altro che segnare la sua prima rete con la maglia neroazzurra; un minuto dopo Vieri segna un gol dei suoi e poco dopo bissa, realizzando la sua 21^ marcatura stagionale. La partita finisce qui ed è solo per generosità che il Piacenza segna quasi allo scadere un gol con Hubner.
L'unica cosa da salvare della partita è il risultato: si doveva vincere e si è vinto, giocando da cani ma vincendo (che è poi la cosa che rimane a fine stagione); ottima la prestazione di Pasquale che si conferma un giovane su cui si potrà contare nei prossimi anni, per curare una zona del campo su cui siamo da troppo tempo in difficoltà.



20.2.03
 
Spesso gli schemini pubblicati sui giornali valgono i soldi spesi in edicola; ad esempio oggi il Corriere, prendendo spunto da un film in uscita, pubblica le 10 "mosse" che lei deve seguire per perdere lui. Eccole:
1) Lo batti davanti alla sua famiglia nel suo gioco di carte preferito
2) Insisti che ti prenda da bere proprio durante la fase finale della partita
3) Gli parli di continuo della sua famiglia
4) Gli riempi la casa di peluche e riordini i suoi cassetti segreti
5) Dopo che ti ha cucinato una cena fantastica gli dici che sei vegetariana
6) Scappi dalla festa dove ti ha portato per farti conoscere i suoi amici del cuore
7) Chiami sua madre e diventate amiche senza dirglelo
8) Rifiuti di andare con lui in moto
9) Fai la civetta con i suoi migliori amici
10) Ti vesti da gran sera se vuole portarti nel suo baretto preferito



 
SEGUIRA' DIBATTITO /6

Un sentito ringraziamento a Poste Italiane che martedì 18 mi ha consegnato la ricevuta di ritorno di una raccomandata per Milano spedita il 27 dicembre da Bergamo. Complimenti e grazie per l'efficacia e l'efficienza.



17.2.03
 
CUORE NEROAZZURRO

Se in Italia esistesse un giornale sinceramente democratico avrebbe scritto che l'Inter era destinato a perdere la partita di sabato col Chievo. Lo dico perché era tutto previsto e prevedibile: domenica scorsa si infortunava Vieri e, stando ai primi esami, sembrava che non riusciva ad essere presente in campo per la partita col Chievo; il giudice della prova tv (notoriamente tifoso juventino) decide poi di squalificare per 2 giornate Batistuta, ma è chiaro a tutti che in quel caso, stando al regolamento attuale, la prova tv non poteva essere applicata. E così è fatta: col Chievo l'Inter avrebbe giocato con Recoba e il primavera Martins. Però quelli che hanno ideato il piano anti Inter non avevano considerato due fatti: innanzitutto il pronto ricorso della società neroazzurra contro la squalifica di Batistuta (che fa annullare le 2 giornate di stop) e il veloce recupero di Vieri che ha voglia di segnare il suo 100° gol. E allora cosa ti inventano questi geniacci? Decidono di mandare Racalbuto ad arbitrare la partita che deve farsi perdonare dei 3 rigori dati alla Juve nella partita, giocata nonostante una fitta nebbia, col Chievo. E così ecco spiegato l'incredibile rigore fischiato per il presunto fallo di Cannavaro, l'ancora più incredibile espulsione di Okan e il generale arbitraggio pro-Chievo che ha caratterizzato tutta la partita.
Mi sembra di aver scritto un buon teorema giudiziario. Mi prenderanno al Foglio?.



11.2.03
 
FATTO DA SOLO

Mi sono fatto da solo
sull'elicottero volo
ma non disdegno la nave ricordo soave della gioventù!
Mi sono fatto da solo
mi sono alzato dal suolo
mi sono fatto i cartelli con tutti i capelli che ormai non ho più!

Di chi si parla? Ovviamente di lui: del presidente del Milan nonché presidente di Mediaset nonché presidente del consiglio. La più bella canzone antiberlusconiana mai scritta è stata fatta dalla Famiglia Rossi, una band bergamasca specializzata in ska e affini. Per ascoltare il brano basta andare in fondo alla home-page del loro sito dove troverete scritto ascolta "Fatto da solo" il nuovo singolo fresco di studio di registrazione e cliccare su play.



10.2.03
 
SEGUIRA' DIBATTITO /5

Dopo l'incredibile rigore fischiato alla Juve sabato scorso, l'arbitro Gabriele ha rilasciato questa dichiarazione: "Allora facciamo il PUNTO: i miei colleghi fanno una MAREA di errori e tutti se la prendono con me che ne ho fatto solo UNO; ha ragione Moggi quando dice che nonostante tutto sono stato BRAVO e che sabato ho arbitrato bene. Mi sento come un PANDA che si ritrova su una BARCHETTA e, come ULYSSE, deve tornare a casa. Ma poi Juventus-Empoli non era una partita importante: non c'era nulla in PALIO!"



 
CUORE NEROAZZURRO

I 3 punti di ieri ci costano molto caro: l'infortunio di Vieri e quello, grave, di Emre fanno perdere all'Inter due pedine fondamentali. Ma veniamo alla partita che, se si escludono due svarioni a inizio gara (che però potevano essere fatali), è stata dominata in lungo e in largo dai nostri. 45 minuti bastano all'Inter a regolare la squadra di De Canio; Cordoba (a sorpresa schierato come difensore di sinistra) s'invola sulla sulla sinistra, pennella un bellissimo cross che Vieri insacca come solo lui sa fare (realizzando un gol da manuale del calcio, come diceva Altafini in telecronaca). 1-0! Purtroppo poco dopo Bobo (a quota 99 gol in serie A) deve lasciare il campo per un infortunio: speriamo che il nostro asso ritorni presto. Al suo posto entra Kallon e anche il sostituto si fa trovare pronto: Batistuta inventa un fantastico passaggio per Okan che, solo davanti al portiere, si fa parare il tiro da Belardi ma sulla ribattuta "Mimmo" Kallon pronto a insaccare da due passi. Pochi minuti dopo Emre subisce un fallo in area e l'arbitro fischia il netto rigore: sul dischetto va Kallon che con incredibile freddezza segna il terzo gol per i colori neroazzurri. Si val al riposo sul 3-0. Il secondo tempo è utile solo per registrare l'infortunio di Emre (si parla di distorsione:auguri!) e il rigore alla Reggina che prima l'arbitro assegna per poi ripensarci; dalla moviola non si capisce se Cannavaro abbia occato o meno la palla ma, visto che eravamo quasi al 90° e un gol della Reggina non avrebbe influito sul risultato, il rigore si poteva anche dare (così anche De Canio se ne stava zitto). Si ritorna in vetta da soli (avete visto la faccia di Galliani???) e la squadra gioca bene. Nessuna critica.

PS: vi segnalo una bella intervista a Vieri fatta da Gianni Mura



7.2.03
 
LA STORDITA

Da qualche giorno durante Deejay chiama Italia, il programma di Radio Deejay condotto da Linus e Nicola Savino, è stata inserita nella programmazione una canzone molto particolare: si chiama "Io cammino di notte da sola" ed è scritta e cantata da Amalia Gré. La cantante è stata soprannominata "la stordita" per il suo modo non convenzionale di cantare e per il testo, di sotto riporto le frasi più belle; io di questa canzone me ne sono innamorato ma credo che alla maggior parte delle persone farà abbastanza cagare.

"Io cammino di notte da sola
poi piango poi rido
e aspetto l’aurora"
"Io vivo
a volte infelice
a volte gaudente
talvolta vincente
o perdente
Ed è una vita d’artista
così altalenante
ma quello che creo
è importante per me".

Ascoltate la canzone cliccando qui (680 kb) e poi ditemi cosa ne pensate.



5.2.03
 
Una storiella che gira in rete...

Il presidente George Bush vuole aumentare la sua popolarita'. Arriva in una scuola elementare e spiega il suo piano di governo. Chiede quindi che i bambini facciano delle domande ..
Il piccolo Bob chiede la parola: Signore, ho tre domande:
1. Perche' perdendo le votazioni alle urne Lei ha vinto le elezioni?
2. Perche' desidera attaccare l'Iraq senza motivo?
3. Lei non pensa che la bomba di Hiroshima fu il peggior attacco terroristico della storia?
In quel momento suona la campanella dell'intervallo e tutti gli alunni escono dall'aula.
Al ritorno, Bush invita nuovamente i bambini a fare delle domande
e Joey chiede:
Ho cinque domande da farle:
1. Perche' perdendo le votazioni alle urne Lei ha vinto le elezioni?
2. Perche' desidera attaccare l'Iraq senza motivo?
3. Lei non pensa che la bomba di Hiroshima fu il peggior attacco
terroristico della storia?
4. Perche' la campanella dell'intervallo ha suonato 20 minuti prima?
5. Dov'e' finito Bob?



4.2.03
 
SEGUIRA' DIBATTITO /4
(con un giorno di ritardo)

Il senatore dell'UDC Gianluigi Magri, di professione medico cardiologo, è stato nominato oggi sottosegretario all'economia. Cercherà di rianimarla.



3.2.03
 
CUORE NEROAZZURRO

I giornalisti definiscono una partita come quella di ieri sera col Torino una gara spigolosa ma noi tifosi da bar sport è semplicemente una partita di merda. Il primo tempo è stato di una noia mortale e l'unica emozione si è rivelata la abbastanza casuale traversa toccata su punizione dai granata; la partita si decide nel secondo tempo: un errore di Bucci permette a Vieri di segnare il suo 17° gol stagionale mentre un'invenzione di Recoba serve su un piatto d'argento la palla a Okan che non ha difficoltà a insaccare il secondo gol dei neroazzurri. Poi: il nulla; mai triplice fischio arbitrale fu più atteso. Difficile indicare il migliore in campo: io segnalo sia Pasquale (mi è piaciuto) sia Recoba (dorme per tutta la partita ma nei momenti decisivi c'è sempre il suo ottimo zampino).



1.2.03
 
Questo l'ho scritto giovedì sera per il il blog Cribbio! (uomini sull'orlo di una crisi di governo): un bel progetto di satira collettiva sul nostro presidente del consiglio (che narra in prima persona le sue avventure)

Certo che con questa nuova capigliatura sto veramente bene: appena rientro in Italia devo ricordarmi di aggiornare la foto sul weblog... Innanzitutto un ringraziamento all'amico Chicco che nel corso del TG5 di questa sera ha mandato in onda la frase di George Viva Bush che mi fa i complimenti per il mio inglese: ho fatto proprio una bella figura e, per la gioia, mi sono ricresciuti altri due capelli in testa. Devo però confessarvi una cosa: io quelle frasi in inglese me le ero studiate a memoria e di tutto quello che mi hanno detto George Viva e Tony non ho capito proprio nulla; tranquilli, non c'è problema perché il vostro premier sa bene che Blair fa quello che dice Bush e Bush, è noto a tutti, non sbaglia mai. Quindi, caro popolo, possiamo stare tranquilli e, per rilassarci, cantare la canzone che ho scritto insieme al maestro Apicella: "Ammore, ammore mio, mon amour / 'o ssaie nun t'aspettavo proprio 'cchiù / Volevo scriverti 'na lettera / però aggio pensato che è meglio 'na canzone..."